Aracnofobia

di Marco

Agrafia momentanea
tutto si sfalda
cerca ragione
e il ragno morto,
implode il pensiero
tra mano e avambraccio.
Sovrumani distacchi
annichiliscono la meditazione
e il pensiero permane,
silenziosa veglia
a ritroso nella polvere
schianto al suolo
sordo, terrificante
rimane invariato
l’ambiente immutevole
spettatore di stragi.

Annunci