Partenza imminente

di Marco

Assorbirai i miei languori
programmatica partenza,
concluderò la mia vita
ciclico avvenire monotono,
è quasi giunto il momento
all’alba morirò
rinascerò lontano
conservando l’aspettativa.
Gioire forse
disperarsi,
ancor non conosco il mio destino
seppur imminente.
Pare così monotono
il mio essere deambulante,
ciò che sono
rimane custodito
dicono intorpidito,
crederò al nuovo cielo
che a breve mi ospiterà.
Letto di morte
o risveglio eterno?

Annunci