Incomunicabilità sui davanzali

di Marco

Ed era lieto,
verso del nero gatto
appostato sul davanzale
dell’insolito vicino.
Voleva tuffarsi,
inesperto essere vivente
fuggire chissà dove
lui che come me
questa lingua non conosce.

Annunci