Direzioni Diverse

A chi mai leggerà, dormirà e vivrà.

Iconoclasta

Conducici
al male eterno
privo di impurità,
alla sorgente disseteremo
le nostre bramose speranze
vittime in questa pace,
lieta oasi
illusoria ricerca
di ammattiti filantropi.

Negazione esteriore

Bellezza
è filo conduttore
fiore del male
posto sul tuo ventre
che vibra
e scalpita,
è poesia stessa
sulle rosee labbra
che profuman
di liquido seminale
mentre lacrime
simil pioggia
scalfiscono seno
reni e animo
Bellezza
non è
e non so esprimerla

Seine

Ti porterò al Louvre
e lo sguardo della Gioconda
finalmente più non guarderà
troppo pudica
i nostri sentimenti

Dialoghi in cucina

Era solo luce
sfumava con la notte
perdendo il suo aroma,
velluto tra le narici.

In nome di

Parla ora
lentamente,
ricorda la terra desolata
e non fuggir da essa
ma trova riparo,
custodisci il tuo corpo
preservando la tua anima,
coloro che ti vedranno
conoscono la verità
e s’allontaneranno da te,
taci ora
lentamente.

Indefinitezza

Odio trasuda il mare
in questa fredda stagione,
inesorabile flusso
dalle variegate sfumature
trasporta l’umanità
lungo fili invisibili
che son macabri intrecci,
scontri titanici tra vita
e morte.
Flusso perpetuo
blu azzurro e graffite
macchia le nostre pulsioni,
una tela lacerata
priva di definiti contorni
costituisce la nostra storia.

Frammenti isolati

Sotto la nebbia
morti senza volto agiscono,
trascinano la propria anima
alle caviglie incatenata
e cantando a voce alta
buffamente compongono
la loro funebre marcia.

Corale

La preghiera
sottratta alla ragione
raggiunge alte vette,
l’intonazione marcata
vibra con prepotenza
schiavizza i suoi adepti
chini sopra consunte pergamene.