Folgorazione

di Marco

Odo ancor
sommesso frusciare
ed in balia la sensorialità arretra,
sbircio dalla serratura
il bambino morto
l’anziano vigoroso gioisce.
L’animalesca giocosità’
d’un fuggevole tempo
oramai statico,
il costato percuote
e la sua musicalità
su variazioni perpetue
è la banalità del nostro vivere.

Annunci