Paralipomeni

di Marco

Nel tuo cuore,
errata corrige
refuso del mio amore,
riporteranno la corretta sintassi
e quel nesso corporeo svanirà;
Verso il patibolo
deambulazione di un sol corpo
scalpiccio delle moltitudini,
in lista d’attesa sostiamo
con i nostri intonsi volumi sottobraccio,
la naturalezza della posa li disarma;
Chiniamo ora il capo
e tra labbra socchiuse
invochiamo l’ultimo respiro.

Annunci