Direzioni Diverse

A chi mai leggerà, dormirà e vivrà.

Tag: Bologna

Cornucopia

Dormire finalmente !
All’ombra di passati ricordi
del salice piangente della vita,
in posizione fetale
un accumulo di fantasie
spalmabili su di un taccuino.
Vivere finalmente !
All’interno della caverna
ove le ombre proiettate
paiono lontani malefici,
consolarsi del distacco salvifico
d’oscura luce irradiarsi.
Sulle pendici d’Elicona or mi ritrovo,
qual gaudio !
e delle Muse, la compagnia
non disdegno affatto,
concedendomi a loro ebbro d’ispirazione.
La scienza fugge tra gli arbusti,
tutto pare così vivido
nell’apparenza del comporre,
amalgamato, disconosco me stesso.

Annunci

I miei versi tuoi

Tra penzolanti idee
ed il puzzo di città,
la tua figura, ritta avanti a me
sfuma l’orizzonte.
Vorrei morir
tra le tue braccia salvifiche,
prostituendomi nell’amore tuo

A passo veloce,
smarrii il pensiero.

Apocrifo

Dolore profondo
                              conservo
nel desiderare
la tua vicinanza,

nell’impossibilità

di raggiungere ciò

                              Vana richiesta d’aiuto

Soccorri questa povera
                                       CARCASSA
D’ogni cosa privata

Autismo

Follia scenica s’apre avanti a me,
percepisco il candore
i repentini cambi d’umore
ch’ accompagnano la disfunzione.
Lungi da me
dal ricercar vetuste consonanze
nell’apparir rinvigorite e spolverate,
sotto mentite spoglie
al dettaglio somiglianti
nell’estrema unione gnostica
popoleremo le nostre Apocalissi
e del sacro nettare,
ingordigia a dismisura,
sfiorarti le labbra
con petali d’incenso
ch’ all’improvviso s’innalzeranno
nell’innaturale compostezza
dedicando a te i miei deliri.
Dal mondo chiedo congedo
genuflettendomi,
mai fummo così umani.

Passeggiatrice

La notte ulula
bramosia di carne,
esterrefatto l’uomo si ritrova
solingo nella quiete,
atavicamente relegato
alla condizione d’estraneo.
Brama piacere
vicinanza dei corpi,
intimo piacere distillato,
graduali perversità,
nudi corpi nella notte.

Metamorfosi

L’amplesso degli sguardi
e la frenesia animale
danzano all’unisono.
So trattener parole

luce muta

ma le mie mani
modellano parole
come fossero statue dell’antichità,
e or non so più
ove sia posto
l’invalicabile confine,
tra sentimento
e liberi versi.

“Direzioni Diverse” di Marco Coppe Presentazioni, Reading, Chiacchierate e Respiri

** Presentazioni, Reading, Chiacchierate e Respiri **

Sessantasei poesie che parlano di te, di me, di noi e di tutto ciò che desideri.
Se tutto questo non v’annoia, decanterò questi versi un po’ dove il fato ha voluto.

[MAGGIO]

02/05
Padova |19.30|
Interno 12 Padova (Vicolo del Portello 12, PD)
http://www.facebook.com/events/628177383949344/

09/05
Empoli |18.00|
Cuentame Libreria (Piazza Farinata degli Uberti 18, FI)
http://www.facebook.com/events/831314590291908/

16/05
Firenze |18.30|
Mago Merlino Tea House (Via dei Pilastri 13r, FI)
http://www.facebook.com/events/954052944628483/

23/05
Bologna |18.30|
Caffè Letterario Notturno Sud (Via del Borgo di San Pietro 123/G, BO)
http://www.facebook.com/events/903747256333630/

27/05
Bologna |18.30|
La Caffetteria del Sì – Aterlier Sì (Via San Vitale 69, BO)
http://www.facebook.com/events/732264250218348/
http://ateliersi.it/si/events/marco-coppe-direzioni-diverse-presentazione-del-libro/

29/05
Aldeno (Trento) |19.00|
CG Aldeno (Via Damiano Chiesa 12/2, TN)
http://www.facebook.com/events/467373596760029/

[GIUGNO]

13/06
Roma |19.30|
Yeah Pigneto Musicadischicaffe (Via Giovanni de Agostini 41/45, RM)
http://www.facebook.com/events/474090042748734/

22/06
Mestre |18.00|
Libreria Mondadori Piazza Candiani (Piazza Luigi Candiani 7/A, VE)
http://www.facebook.com/events/1132766030082877/

Ad ogni data saranno disponibili alcune copie, del mio libro, per l’acquisto.
Se qualcuno non riuscisse a venire o lo volesse prima è possibile prenotarlo/acquistarlo qui: http://www.amazon.it/dp/8881638649 (o contattandomi in privato)

“Direzioni Diverse non sono io, presupposto necessario, seppur contraddittorio.
Direzioni Diverse, se lo volete, potete esser voi.”

 

Attestazione notturna

Circondati
sopra tutto,
cogline il movimento
la rarefatta aria,
dialoga.
Attendo
invano
la notturna visione
che scuote le lenzuola
Accumulo del giorno
ruota a terra
vortici polverosi,
scatole cementate odorose.
Rette parallele
oramai deserte
come stomaci vagabondi.
Senza grazia
su caratteri invisibili.