Direzioni Diverse

A chi mai leggerà, dormirà e vivrà.

Tag: Fiume

Dormivamo, ma tu mi proteggevi

Non possiedo parole
che possan colmare
paesaggi infantili
mano nella mano.

(Mi perdonerai
ne sono certo)

Lo stesso fiume
borbotta
entro me,
nulla è mutato,
ma apatico ora permane il paesaggio.

I tuoi passi
non risuonano
Il tuo corpo
ora
divorato
è sacro custode
dell’unico
amore terrestre.

Il tuo ricordo
sovrasta quei floreali omaggi.

(A quale futile convenzione
siam costretti,
intrinsecamente portati a ciò
da tempo immemore.)

Ho colmato quei vasi
d’inutili pianti,
mentre la tua mano
tende all’infanzia
protratta
nei ricordi d’Aprile

Annunci

Lineamenti

Nelle lande deserte
un fiume sul mio petto
atomi d’acqua evaporata
occhiaie aride rive
fronde labbra umide.

Arrondissement

Parigi rimase silenziosa mentre danzavamo
costretta a sorreggere le nostre anime,
a fatica respirava
ed era un continuo sobbalzare
poggiati sulla superficie del blu Senna
a lume di Tour Eiffel.