Direzioni Diverse

A chi mai leggerà, dormirà e vivrà.

Tag: Flusso

Eros e Thanatos

Ho sognato i tuoi orizzonti violacei
senza carpirne la vera assenza,
mi sono abbandonato
alle schiere d’uomini
che si piegavano avanti a me,
senza conceder loro la grazia.
Ed ora me ne vanto
appostato,
delicatamente poggiato
sul mondo,
perpetuo flusso che mi ferisce.

Mortificandomi
glorificherò le tue mani,
che violente cingevano il mio corpo
oscurandomi fragili polmoni.

All’improvviso frammenti,
sparsi in ogni dove.

Non so più ricomporre
il mio destino,
la mia meta è svanita
offuscata la strada che percorrevo.

Annunci

Ardere

Tremante la mia mano
stretta tiene una sigaretta,
sbuffo fumo color rugginoso
odio a fior di pelle,
malessere interiore.
Frantumi di parole voglion uscire
sconnessi retrocedono
loro han timore al di fuori di me,
vibrano anche loro nell’odio.
Strappare
deteriorare
    distruggere tutto ciò,
    il fuoco ti pervade
    maledizioni discendono
    Al rogo!
    Chi urla? Chi parla?
    Se solo ci fosse qualcuno
    ascoltatore
                   o passeggiatore.
                   Il nulla.