Direzioni Diverse

A chi mai leggerà, dormirà e vivrà.

Tag: Urbano

Amor Sodomita

Passeggi nuda
tra le stanze della mia mente;
Odo i tuoi passi
ritmo incalzante
e so d’averti vicino.
Le tue mani
posate sul mio ventre,
il tuo odore
urbano
mortifero
e terribilmente sensuale.
Ti sento
internamente
e le budella straripano
Sento il tuo amore
ORA LO SENTO
DENTRO ME
sento il tuo AMORE
non smettere
te ne prego
T’amo
d’amor sodomita
Baciami le labbra
e fottiti la poesia.

Critica urbana

Fumosi pomeriggi umidi
la cornice oro
dell’albero invadente.
Le quattro.
Come solo la pioggia sa fare
detergere liquido seminale
dalle imposte,
cumuli di geometriche figure
attestano logoramento,
spruzzi nero sfumato
conferiscono al critico
impressionismo urbano degradato.
Solo lui,
sa dare visione
agli arcani
interposti
tra un lampione
ed un muro di cinta.